EMANUELE BASENTINI


Nasce a Potenza nel 1971 e già da bambino comincia lo studio della chitarra sotto la guida del padre. Nell'85 abbandona gli studi classici intrapresi presso il conservatorio della sua città per dedicarsi interamente all'approfondimento del linguaggio jazzistico per lo più da autodidatta. Nel 90 trasferitosi a Roma, inizia la sua attività concertistica che lo vede collaborare ed esibirsi con numerosi musicisti di fama internazionale tra cui: Renzo Arbore, Jimmy Owens, Massimo Urbani, Carlo Atti, Franco D'Andrea, Steve Grossman, Tony Scott, Bob Mover, Kirk Lightsey, Bobby Durham, Romano Mussolini, Red Pellini, Giulio Capitozzo, Evan Christofer, Gianni Cazzola, Bob Bonisolo, Tom Kirkpatrick, Deidda Bros..ecc. Svolge la sua attività didattica come docente presso l'Università della Musica di Roma e svolgendo seminari in tutta Italia.

Dal 91 al 97 partecipa con le sue formazioni a numerose rassegne tra cui: Festival Internazionale de Musica de Zumaya (Bilbao, Spagna, dove è stato docente dei corsi di improvvisazione), Jazz&Image 2000, 2001, Marajazz 92 e 97; Bologna Jazz Festival 2000; Urbino Jazz 96 e 97; Jazz al Castello 95 e 99; Jazz Festival di San Severo; Ferrara Jazz 98; Taranto Jazz 96; Elba in jazz; Jazz in Piazza 93; Fano Jazzin' Club 2000; La Spezia Jazz 2001; Jazz Juice 2001, ecc.

Nel '97 è vincitore assoluto del Premio Nazionale "Massimo Urbani" e, sempre nello stesso anno, vince insieme al suo gruppo il Concorso Nazionale Baronissi Jazz nella categoria professionisti. Per diverso tempo si trasferisce a Parigi dove ha modo di suonare nei Clubs della Capitale e di collaborare con alcuni musicisti di spicco del panorama francese. Nel '99, ritornato a Roma fa parte dell'ensemble Gregory's Nighthawks, gruppo formato da una dozzina di musicisti che ogni mercoledì si esibiscono in delle jam session organizzate a tema, avendo modo così di approfondire e toccare musicisti, compositori e più in generale i momenti significativi della storia del jazz.

Nel '98 realizza il suo primo lavoro discografico: "Just in time" (Philology W135) insieme a Franco D'Andrea.

Dal '96 si esibisce principalmente insieme al sassofonista Carlo Atti, in un quintetto molto attivo nel circuito dei clubs italiani, protagonista di un servizio televisivo per RAI International e RAI 2 e che presto vedrà la sua uscita discografica. Nel 2001 registra come solista il disco di Renzo Arbore "Tonite Renzo Swing" nel gruppo Swing Maniacs, con i quali sempre a fianco di Arbore, partecipa a numerosi concerti nonché programmi televisivi di grande successo nelle reti RAI, Mediaste e Strem.